Ritorna     Home page     Avvenimenti     Santuario     Madonna dell'Abbondanza    Incoronazione Madonna
MAMMA BELLA CU
LA FACCI LORCIA*




S’ave prisintàta, nu bèllu juórnu,

la Madonna: la facci lórcia,

tutta chjéna di macchji,

nu pócu carulàta.

Ma l’uócchji suji so’ cquiddri

di na mamma ca ògnunu

vuléss truvàni quann’a la sera

s’arritìra stancu, strutt’e afflìttu.



Unu pènza: « Chisà da ‘ndó véne

mo’ ‘sta Madonna? Da lu paravìsu no,

éja tutt’affardillàta, binidìca!

Li bbìji ch’ave camminàtu, li rripi,

li uaddrùni, li ghjiumàri ch’ave passàtu,

lu mantu mmalitrattàtu,

la vèst’azzangàta di lóta, lu Crijatùru

‘mpisantùtu ‘mbrazza...»



Ma a ghjì a bbidé, Quéddra stéva

‘mmiézz’a nnuji, ammucciàta

accussì bbónna ca nisciùnu,

mancu pi mmacinazióne,

ci jév’a ppinzà!



Tutt’ave sintùtu

tutt’ave patùtu

tutt’ave capìtu.

Nuji ‘nnì l’ìma

accuntà niénti!



     Zell, 25 maggio 2003

*A Giovanni Bosco Maria Cavalletti
MAMMA BELLA
DALLA FACCIA MACCHIATA



Si è presentata, un bel dì,

la Madonna: la faccia sporca,

tutta cosparsa di macchie,

un po’ tarlata.

Ma i suoi occhi sono quelli

di una madre che ciascuno

vorrebbe incrociare quando di sera

si ritira stanco, distrutto e sconsolato.



Uno si chiede: «Chissà da dove proviene

ora questa Madonna? Dal paradiso no,

così carica, Dio la benedica!

Le vie che ha percorso, i calanchi,

i valloni, le fiumare che ha guadato,

il mantello sdrucito, la veste

imbrattata di fango, il Bambinello

che le si è appesantito in braccio...»



Ma si viene a scoprire che Lei era

in mezzo a noi, così ben nascosta

che nessuno,

neanche per idea,

riusciva ad immaginarselo!



Tutto ha udito

tutto ha sofferto

tutto ha compreso.

Noi non dobbiamo

confidarle nulla
MAMMA BELLA, LAVIRIENZ’E L’ADDULURATA*



«Ma si po’ ssapé, andó stivu vuji?»



«Figliu mìju, simu stat’a lu strittu

pi ttuttu quistu tiémpu,

‘nd’à nu pirtùsu di muru,

ìj’e Llaviriénzu.»



«Ma come ‘nn’ìruvu tre, tu,

l’Adduluràt’e Ssantu Laviriénzu?»



«Na Madonna, dóji Madonne, tre,

quattu… so’ ssèmp’ìju, uaglió!

Stu fatt’éja com’a cquànnu

na mamma crésce nu figliu.

Pazzéja, rire, tréma, chjagne, allùcca,

pènza e ogni bbóta, si unu la uàrda

‘n facci, pare n’ata cristiana.

Eppùru jà sèmp’éddra!»



«Come si stéva ‘nd’à ‘ddrù pirtusu?»



«Come si fùssimu muórti, uaglió,

eppùr’annasulàmmu tuttu tuttu.

E mmò ci sim’abbivirùti n’ata vóta!

L’ummilità ci ‘ntrunfàva.

Chjù di li llàcrim’e ‘lu sudore!

Paréva ca stèmmu ‘nd’à lu fuóssu

‘la Madonna ‘l’Abbunnànzija,

pròbbit’andó corre l’acqua.

Lu ppirùtu ci rusicàva li ccarna,

li tirramóti ci ‘ntruntilijàvunu

buón’e mmègli’a nnuji,

pirò ‘n ci stéva nnì ppóliva

e mmancu pulivirìnu.»



«Come stivu a ppùlic’e ppidùcchji?»



«Niénti pùlici, piducchj’e llìnini.

La pèst’e lu culèru cu nnuji

‘n ci putévunu, ma li cristiani

cirnévunu com’a li ffurmìculi.

Si lamintàv’assaji Laviriénzu.

La paura sója era ca li ttàruli

ci carulàvunu e nnuj’arrivintàmmu

na jummèddra di sigatùra,

primu ca ci truvàvun’andó stèmmu.

Ci lu ddicéva ìju, ca ‘ddrù uaglióne

ca jètt’a ttruvà rifìn’a Ccampu Salintìna,

lu ssapéva ca pi nnùji, nu juórnu,

s’évuna scapulà li ccampàn’a ffèsta.»



«Si Santu Laviriénzu ‘nn’avév’a tte!»



«Lavirie’, nun ti spandà. Capisc’a mme!

Vulìvi vidè li stelle ca mucchéjunu?

Uàrda, uàrda. Li bbì ‘ddrà!

‘Ncòpp’Ariànu, ‘n zi so’ scurdàti di te.

Ogn’annu ti la fannu la fèrija!

Iju lu pigliàva cu li ‘ncuràggi.

Si nn’avév’a iddru, chi mi fuss’ajutàta

a rrègge a Nninnu ‘m brazza,

quannu stéva stanca o tinéva la fréve?

L’assavizzàva ch’éva mòve li piedi,

come s’èmma fa nu strappóne pi ffóre,

sinnò c’arrancàvunu li ccòssi!»





     Zell, 12 luglio 2003





*A li mmàmmura munticalivési.



‘N facc’a la filippìna, cu li ssèrchji

a li mmani, s’abbuttàvunu di fatìja.

Figliàvunu e, ppuru si mmalitrattàte

da li mariti, rifinnévun’a li figli.

E ppi li ddà a mmagnà, si livàvunu

lu muórzu da ‘mmócca.

MAMMA BELLA, SAN LORENZO E L’ADDOLORATA

 
«Ma si può sapere, dove eravate voi?»



«Figlio mio, siamo stati reclusi

per tutto questo tempo,

in un pertugio di un muro,

io e Lorenzo.»



«Ma come non eravate in tre, tu,

l’Addolorata e San Lorenzo?»



«Una Madonna, due Madonne, tre,

quattro…sono sempre io, guaglio’!

Il mio caso è simile a quello

di una madre che tira su un figlio.

Gioca, ride, trepida, piange, grida,

medita e ogni volta, se uno la osserva

in volto, pare un’altra persona.

Eppure è sempre lei!»



«Come si stava in quel pertugio?»



«Come se fossimo morti, guaglio’,

eppure ascoltavamo proprio tutto.

E ora siamo ritornati in vita!

L’umidità ci macerava.

Più delle lacrime e del sudore!

Pareva di stare nel vallone

della Madonna dell’Abbondanza,

giusto dove scorre il ruscello.

La muffa ci corrodeva le membra,

i terremoti ci scuotevano

ben bene,

però non c’erano né polvere

e neanche la tormenta di neve.»



«Come stavate a pulci e pidocchi?»



«Niente pulci, pidocchi e lendine.

Da peste e colera noi

eravamo immuni, ma la gente

moriva come le formiche.

Era afflitto assai Lorenzo.

Temeva che i tarli ci avrebbero

roso trasformando tutti noi

in una giumella di segatura,

prima che si scoprisse dove eravamo.

Lo rassicuravo io, che quel ragazzo

che trovò quiete a Campi Salentina,

era conscio che per noi, un giorno,

avrebbero suonato le campane a festa.»



«Se San Lorenzo non avesse avuto te!»



«Lore’, non ti scoraggiare. Ascoltami!

Volevi ammirare le stelle cadenti?

Guarda, guarda. Eccole là!

Ad Ariano, non ti hanno dimenticato.

Ogni anno ti dedicano una fiera!

Io così lo rincuoravo.

Se non ci fosse stato lui, chi m’avrebbe

aiutata a reggere il Bambino in braccio,

quando ero esausta o avevo la febbre?

Lo costringevo a muovere i piedi, come

se ci attendesse tanta via tra i campi,

sennò ci si rattrappivano le gambe!»











Alle madri montecalvesi.



Incuranti della bora gelida, con le mani

piagate, erano instancabili.

Partorivano e, anche se oltraggiate

dai mariti, proteggevano i propri figli.

E per sfamarli, si privavano

del boccone dalla propria bocca.t

 
WYSIWYG Web Builder
Domenica 13 febbraio 2011, si è svolta nella chiesa Parrocchiale di San Bartolomeo in Montecalvo irpino la suggestiva fusione dell’oro, donato in onore della Madonna dell’Abbondanza.
La manifestazione è avvenuta alla vigilia delle celebrazioni del decimo anniversario del provvidenziale ritrovamento dell’insigne statua di Mamma Bella dell’Abbondanza.
Difatti il 16 marzo 2001 il simulacro ligneo di Nostra Signora dell’Abbondanza, la celeberrima Mamma Bella di San Pompilio Maria Pirrotti, fu provvidenzialmente rinvenuto, murato nel Palazzo Pirrotti, casa natale del santo delle Scuole Pie.
Erano presenti al ritrovamento il Parroco; il responsabile della ditta esecutrice dei lavori di ristrutturazione, Sig. Carlo D’Agostino; gli operai i Sigg. Iorillo Giancarlo e Goduto Eugenio; il sacrista della Cappella di san Pompilio Sig. Ludovico Lo Casale.
Affidata alla cura della Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici per le province di Salerno e Avellino, la statua venne portata a Roma per il restauro.
È qui che nella pupilla vitrea dell’occhio destro della Vergine, venne effettuata una  sensazionale scoperta: l’immagine tridimensionale di un teschio che la scienza dice non riconducibile ad opera umana.
Il 24 aprile 2002 ci fu la presentazione ufficiale del restauro alla Dogana dei Grani di Atripalda e il giorno successivo l’arcivescovo Metropolita di Benevento Mons. Serafino Sprovieri intronizzò la statua nella Cappella Carafa della Chiesa Madre di Montecalvo Irpino, Collegiata di Santa Maria Assunta, autorizzandone il culto e la venerazione.
Il prossimo 9 marzo 2011 nell’Aula Paolo VI in Vaticano, durante l’Udienza Generale del Mercoledì, il Santo Padre Benedetto XVI benedirà le due corone auree che cingeranno le teste della Madonna e di Gesù Bambino.
All’appello pubblico di donare oggetti d’oro da fondere per la doratura delle due corone e per compiere un gesto comunitario di solidarietà, hanno risposto con grande generosità 286 persone.
Dopo la Concelebrazione Eucaristica, il parroco don Teodoro Rapuano, rivestito di cotta e stola, ha costituito ufficialmente un Comitato d’Onore, composto da quattro persone estratte a sorte e dalle maestranze, che hanno provveduto al peso e fusione dell’Oro.
Il Comitato presieduto dal parroco era formato da: Michele Ferragamo, di professione orefice; Angelo Ferragamo di professione orefice; Pappano Concetta; Buompreda Rosetta; D’Agostino Maria; Di Chiara Pompilia. Sono stati scelti simbolicamente anche due bambini: Gelormini Francesco e Cristino Federico.
Il peso dell’oro donato è stato di Kg 1963 fuso 4 lingotti dal peso di Kg. 520; Kg. 952;  Kg. 283; Kg. 208.

Leggi il Verbale della fusione
DOMENICA 13 FEBBRAIO 2011
DONAZIONE E FUSIONE DELL'ORO IN ONORE DELLA MADONNA DELL'ABBONDANZA